Depilazione o epilazione? Quando si parla di depilazione e quando, invece, si fa riferimento all’epilazione progressiva permanente?

epilazione-laser-diodo-permanente-o-definitiva-perchè

Perché è sbagliato e scorretto parlare di depilazione quando ci si riferisce all’epilazione progressiva permanente con trattamento laser a diodo 808? Quali sono le differenze tra i due trattamenti?

Parlando di depilazione ed epilazione, qual è la differenza tra questi due metodi che ci liberano dai peli superflui?

La differenza è abbastanza semplice, per depilazione si intende l’eliminazione del pelo dal punto di emersione a livello della cute, l’epilazione invece va più a fondo e rimuove anche il bulbo.

La depilazione è un metodo rapido e indolore, mentre invece l’epilazione a seconda del tipo è molto più elaborata. Una cosa però è chiara con la depilazione entro 3 giorni i peli cominciano a ricrescere; con l’epilazione invece i tempi sono più lunghi, dalle 4 settimane con la ceretta all’epilazione progressiva permanente che otteniamo con il laser, grazie al quale sono sufficienti 1 o 2 sedute di mantenimento all’anno per liberarsi dai peli superflui. Questo una volta raggiunto l’obiettivo dell’abbattimento del patrimonio pilifero dell’80% che si ottiene dopo circa 8 sedute.

 

 

Depilazione ed epilazione: metodi diversi, unico obiettivo apparente

Lo scopo dell’epilazione progressiva permanente e quello della depilazione è spesso uno scopo univoco e uguale: entrambi i trattamenti, infatti, consistono nella necessità di eliminare i peli superflui, ma essi, seppur vicini per l’obiettivo finale, sono molto diversi ed in realtà appaiono molto più lontani di ciò che potremmo immaginare.

Partiamo dal presupposto che spesso, erroneamente, tendiamo a definire depilazione ciò che in realtà non è indicativo di questo termine, ed anche il contrario. Spesso si parla di epilazione facendo riferimento ad uno dei tanti metodi tradizionali che fanno uso di  crema depilatoria o rasoio, dimenticando o comunque ignorando che questi metodi di eliminazione del pelo sono del tutto differenti da ciò che scientificamente e nella terminologia corretta dovremmo chiamare epilazione.

C’è però un altro errore fondamentale a cui bisogna fare riferimento quando si parla di epilazione e di depilazione: abbiamo anticipato, all’inizio del nostro articolo, che sia la depilazione che l’epilazione hanno come obiettivo principale l’eliminazione del pelo. Questo è vero, ma solo in parte: perché mentre la depilazione elimina solo la parte superficiale del pelo, l’epilazione ha come obiettivo la matrice pilifera e quindi non colpisce, in alcun modo, i tessuti circostanti ma solo il follicolo.

Questo significa sostanzialmente due cose: la prima è che l’epilazione, a differenza della depilazione, è più delicata e sicura sulla pelle, perché non brucia e non irrita i tessuti circostanti, grazie all’azione selettiva dell’energia luminosa del laser. La seconda è che l’esito dell’epilazione ha chiaramente una durata più lunga rispetto a quella della depilazione: ovvero, con una ceretta ben eseguita possiamo liberarci dei peli superflui fino a 4 settimane, mentre con il trattamento di epilazione progressivo permanente perché indebolisce i peli superflui fino ad eliminarli, con una percentuale del 90%.

Epilazione progressiva permanente: una durata differente dalla depilazione e dall’epilazione con ceretta.

La durata dell’esito della depilazione è variabile in funzione del metodo utilizzato.

Tra i metodi di depilazione più comune abbiamo:

 

  • Crema depilatoria: taglia il pelo chimicamente, è come il rasoio in pratica. Il vantaggio principale è una ricrescita più lenta rispetto alla rasatura e l’assoluta mancanza di sensazioni dolorose. E’ necessario evitare i tempi di esposizione lunghi che causano irritazione della pelle a causa di forti agenti chimici presenti. Si possono verificare eritema, prurito e bruciore dovuti all’aggressione delle cheratine dello strato corneo. Frequente è la comparsa di follicoliti.
  • Rasoio: taglia il pelo dal punto in cui esce dalla cute, dura poco ma è rapido e indolore.
  • Pinzetta: va bene per le piccole zone di precisione come sopracciglia, mento, zona superiore del labbro.

Tra i metodi di epilazione abbiamo:

 

  • Ceretta a caldo: si può fare dall’estetista o in casa, potete provare vari tipi di cera fino a trovare quello più adatto a voi. Fa un pochino male ma per almeno 3 settimane potete stare tranquille senza pensare ai peli.
  • Ceretta a freddo: è praticamente identica a quella caldo ed è consigliata per chi ha la pelle sensibile o i capillari fragili.

Fermo restando che per eliminare il bulbo pilifero la ceretta deve essere ben eseguita, in caso contrario si strappa soltanto lo stelo e rimene un metodo di depilazione, non di epilazione.

  • Silk epil e Co: sono tante piccole pinzette che passano rapidamente ed eliminano il pelo con tutto il bulbo, è un metodo efficace ma ad alcune persone da troppo fastidio.
  • Elettrodepilazione: detta anche diatermocoagulazione si ottiene con l’utilizzo di corrente elettrica continua o ad alta frequenza che, applicata al follicolo pilifero, si trasforma in energia termica, determinando la distruzione con conseguente asportazione del pelo tramite la pinzetta.
  • Laser: è un trattamento di epilazione progressiva permanente che si svolge in varie sedute in base al soggetto trattato. Non è affatto doloroso e già dalla prima seduta noterete enormi passi in avanti.

Tutti i metodi di epilazione e depilazione tradizionali non danno risultati duraturi oltre le 4 settimane.  Invece, l’epilazione progressiva permanente direttamente alla base, andando a colpire la melanina presente nel pelo, che ingloba l’energia luminosa del laser e distrugge il follicolo pilifero alla radice. Questa azione – che si dice selettiva – è molto utile per diversi fattori: il primo riguarda la durata dell’azione sul pelo; il secondo è quello relativo alla possibilità di indebolire i peli superflui, con una efficacia che cresce man mano che aumenta il numero di sedute. Non a caso, in genere si consiglia anche un trattamento di mantenimento dell’azione che è pari ad uno o due sedute l’anno, a seconda del tipo di pelle e di fototipo e dei fattori che possono influire sul trattamento.

In conclusione, per i motivi citati, non si può definire un trattamento di epilazione laser a diodo 808 come se fosse un trattamento depilatorio, così come non è possibile definire epilazione un tradizionale metodo di eliminazione dei peli superflui che fa riferimento ai metodi tradizionali come ceretta, crema depilatoria, o rasoio.